Pelissa Claudio Notaio

011 4345398 - Torino

Notaio Pelissa

Il Notaio

Il notaio Claudio Pelissa è nato a Torino nel 1954 e nel 1977 si è laureato con lode in giurisprudenza all’Università di Torino con una tesi di diritto amministrativo.

Dopo aver svolto la pratica notarile presso lo studio torinese dei notai Fissore-Pini è stato nominato notaio con decreto del Presidente della Repubblica in data 2 ottobre 1981 ed è stato iscritto al Ruolo dei notai dei Distretti Riuniti di Torino e Pinerolo il 29 gennaio 1982, aprendo studio in Venaria Reale, sede da lui mantenuta per circa dieci anni ed è ora notaio in Torino con studio in corso Re Umberto n.23.

Attività

atti torino, volture torino, testamenti pubblici,

L’attività dello studio si esplica in particolare in cinque settori in ciascuno dei quali viene offerta al cliente una consulenza preliminare gratuita di orientamento giuridico e fiscale effettuata personalmente dal notaio e, previo esame dei documenti, con l’indicazione di massima delle spese e degli onorari dovuti per le prestazioni richieste.

I clienti, oltre a essere seguiti dal titolare dello studio nella fase preliminare alla stipula degli atti, sono successivamente affiancati nelle pratiche e nel contenzioso fiscale che potesse eventualmente instaurarsi.

Informazioni

Lo studio risponde anche via mail a quesiti in materia Notarile


Perchè il Notaio

rinegoziazione mutui, atti notarili torino, pratiche di successione, torino,

Il notaio è un pubblico ufficiale la cui attività è regolata per legge e allo stesso tempo un libero professionista che esplica attività di consulenza che non necessariamente si perfeziona negli atti tipici della sua funzione.

L’attuale ordinamento del notariato è disciplinato dalla L. n. 89/1913, integrata da numerosi provvedimenti legislativi resisi necessari dai mutamenti sociali, istituzionali ed economici verificatisi nel tempo,  che hanno ampliato negli anni le attività di specifica competenza del notaio conferendogli ulteriori competenze in armonia con le nuove esigenze dei cittadini, delle imprese e della pubblica amministrazione, come le esecuzioni immobiliari, le cessioni di quote delle società a responsabilità limitata e di azienda.

A partire dal 2007 con le cosiddette “lenzuolate” governative alcune attività fino ad allora di competenza dei notai, quali le pratiche automobilistiche, le cancellazioni ipotecarie e le cessioni di quota delle società a responsabilità limitata sono state attribuite anche ad altre categorie professionali, a funzionari della pubblica amministrazione o a privati.

Fermo restando la competenza e la professionalità dei soggetti legittimati in alternativa al notaio allo svolgimento  delle menzionate attività, peraltro senza gli anni di pratica ed esperienza specifica dei notai, questi ultimi per la loro natura di terzi rispetto alle parti contrattuali offrono un servizio che tiene conto degli interessi di tutti coloro che si avvalgono della loro opera e le loro prestazioni sono sempre provviste di una copertura assicurativa garantita da polizza stipulata dal Consiglio Nazionale del Notariato.

Di recente il notariato, tenuto conto dell’attuale stato di crisi si è inoltre assunto l’onere gratuito  di costituire le società a responsabilità limitata semplificate riservate ai giovani con meno di trentacinque anni per poterli avviare senza oneri iniziali ad una attività di impresa.


Share by: